Google sempre più attivo nel Settore Alberghiero: le ultime Notizie

Google si sta muovendo in modo convinto per giocare un ruolo sempre più importante nel settore delle prenotazioni alberghiere – anche correndo il rischio di fare arrabbiare alcune dei suoi più importanti inserzionisti. L’azienda, infatti, sta aggiungendo sempre più foto e recensioni ai propri listing di hotels e sta promuovendo in modo più aggressivo i suoi annunci “Hotel Price Ads” (HPA) che sponsorizzano i prezzi delle camere alberghiere, così come fanno altri meta-motori di ricerca.

L’idea è quella di incoraggiare sempre più viaggiatori a pianificare i propri viaggi usando Google. Durante il processo, Google, offre anche la possibilità di effettuare una prenotazione e gli esperti pensano che questo renderà sempre più preziosi i “referral links”, portando le agenzie e gli alberghi a pagare di più per ogni click su Google Ads. Sta anche incoraggiando sempre di più gli albergatori a pubblicare le loro tariffe dirette (con il proprio booking engine) su Google, non passando più per le OTA.

Come ultima mossa Google ha stretto un accordo di licenza che gli darà accesso alla tecnologia del software di prenotazione della startup Room 77 aumentando così il numero di ingegneri che lavorano al team di ricerca alberghiera.

Il mercato potenziale è molto grande. Soltanto negli Stati Uniti lo scorso anno la spesa per viaggi e turismo è stata di 450 Miliardi di dollari, e, secondo il World Travel & Tourism Council, ci si aspetta una crescita del 3,5% per quest’anno.

La mossa è comunque rischiosa: le agenzie di viaggio online sono tra i maggiori inserzionisti di Google. Mark Mahaney di RBC Capital Markets ha stimato che il Gruppo Priceline spenderà più di 1,5 Miliardi di dollari nel 2014 per gli annunci su Google e Expedia probabilmente un altro Miliardo. Questi due colossi rappresentano circa il 5% dei profitti di Google per quest’anno, anche se l’azienda ha più di un milione di clienti che acquistano annunci pubblicitari.

Fonte: HotelMarketing

Sabre porta la ricerca su mappa degli hotels alle Agenzie di Viaggio

Sabre prevede di testare la tecnologia “Cerca su Mappa” con le Agenzie, consentendo loro di ricercare, comparare e prenotare gli hotels tramite un’interfaccia basata su mappa.

Il GDS (Global Distribution System) ha stretto una partnership con la società di tecnologia ZoomAndGo che ha creato la piattaforma su mappa. La tecnologia è stata progettata per organizzare tutti i contenuti frammentati , consentendo alle agenzie di confrontare le tariffe alberghiere da Sabre e da altre fonti.

Il sistema inoltre, consente di filtrare qualsiasi tariffa, aziendale o promozionale, per soddisfare la conformità delle politiche e gli accordi con i fornitori. Le ricerche possono essere effettuate per indirizzo, quartiere , codice aeroportuale e attrazioni locali, mentre i risultati possono essere filtrati contro una serie di criteri , tra cui la catena , il prezzo ed anche i servizi .

In una dichiarazione , Shelly Terry, vice presidente supplier merchandising di Sabre Travel Network, afferma che l’accordo offre anche agli alberghi più opportunità per vendere i loro prodotti. La piattaforma sarà infatti integrata con le capacità di acquisto e prenotazione già esistenti su Sabre Red Workspace.

Tutti i GDS hanno mostrato il desiderio di fare di più sul versante della distribuzione alberghiera: recentemente Amadeus ha acquistato Newmarket International per 500 Milioni di Dollari.

Nel frattempo Travelport sta progressivamente espandendo la sua piattaforma alberghiera Rooms and More, destinata allo svago e alle vacanze, in seguito all’acquisizione nel 2010 del motore di ricerca per viaggi Sprice.

Fonte Articolo: Tnooz

InWYA: “Social WIFI” per Alberghi. Un’Intervista al fondatore e CEO Gabriele Petroni

Intervista a Gabriele Petroni , Fondatore e CEO di InWYA

InWYA (acronimo di “Information Where You Are”) fornisce un servizio multilingua che comprende una piattaforma di autenticazione WIFI tramite account sociale, un GeoPortal informativo sul territorio ed un Guestbook sociale.

  • Come e quando nasce InWYA?

InWYA nasce a fine 2008 da un’esigenza reale della struttura ricettiva di famiglia: fornire al turista informazioni sul territorio in cui si trova a soggiornare.

Appurato il fatto che il mezzo più veloce e flessibile per informare il turista era proprio Internet, abbiamo sviluppato una piattaforma informativa (che abbiamo chiamato GeoPortal) che potesse essere visibile dalla rete WIFI dell’hotel. Nel 2009 abbiamo evoluto la piattaforma integrando il guestbook sociale e nel 2011 abbiamo introdotto la Social WIFI che ci ha portato a dove siamo adesso.

  • In quanti alberghi é installato in questo momento e quali sono le vostre previsioni di crescita per il 2013?

Pur in assenza di una promozione commerciale costante siamo presenti in quasi 150 strutture alberghiere; la particolarità del servizio ci garantisce un interesse sia da strutture 5 stelle come da piccoli agriturismi.

Fare previsioni per il 2013 è difficile, potrei dirti che l’obiettivo è crescere almeno del 50%, ma so che per il tipo di servizio, la  tendenza del mercato, la mancanza di una piattaforma simile per completezza, l’evoluzione delle dinamiche social in ambito turistico… possiamo ambire a traguardi molto più alti.

  • Come facilita la vita all’albergatore Inwya?

Non credo che si debba parlare solo di “facilitare” la vita all’albergatore.

I vari siti specializzati nell’ambito turistico e social media non fanno altro che rimarcare concetti come “presenza online”, “ascoltare i clienti”, “informazioni geolocalizzate” dei servizi sul territorio, “autenticità e autorevolezza delle recensioni”.

InWYA Social WIFI ti fornisce una piattaforma che unisce tutte queste tematiche e consente al tuo cliente di:

1)    loggarsi gratuitamente sulla tua rete Social WIFI con il suo profilo sociale (facebook, twitter, google, yahoo, linkedin, foursquare…)

2)    disporre, dopo il login, di informazioni geolocalizzate sul territorio circostante

3)    lasciare un proprio commento sul guestbook sociale dell’hotel e contemporaneamente sulla propria bacheca

Si ottiene molto spesso un “WOW Effect” solo per la particolarità e l’innovazione della piattaforma.

Il gestore invece ottiene i seguenti vantaggi:

1)    non è più tenuto a creare innumerevoli utenze di accesso o stampare scontrini (per l’accesso WIFI) a raffica per padre, madre e figli… moltiplicato per il numero dei dispositivi WIFI che hanno con se

2)    può creare utenze di accesso (con o senza limitazione di tempo e traffico) per chi non ha un account sociale

3)    vede incrementare in automatico l’anagrafica “sociale” della propria clientela (esportabile su Excel per analisi e successive operazioni di direct email marketing)

4)    crea e modella il territorio a lui circostante decidendo in piena autonomia quali servizi più consoni alla propria clientela; così facendo “comunica” informazioni al cliente

5)    personalizza il Geoportal con grafica e loghi aziendali

6)    riceve feedback sociali dai propri clienti, mentre questi soggiornano nella  struttura ricettiva… il fatto di essere “sociali” incentiva il passaparola digitale ma soprattutto garantisce autorevolezza al contenuto stesso.

  • Un albergatore, può quantificare il ritorno sull’investimento dell’utilizzo di Inwya? Se si, come?

InWYA non genera revenue dirette per cui il ritorno sull’investimento non è di semplice valutazione. A questo proposito mi viene in mente un’espressione di Gary Vaynerchuk che durante un suo speech rispondeva così – “What’s the ROI of your mother?” (Video Youtube) – ad una domanda sulla misurazione del ritorno di un investimento nell’ambito di Social Media.

Questo per dire che certe decisioni si prendono al volo valutando il rapporto costi-benefici (anche se indiretti)… specie se si parla di investimenti minimi di qualche centinaio di euro l’anno.

  • GeoPortal, può essere anche utilizzato per fare “upselling” e vendere servizi extra alberghieri?

Senz’altro c’è la possibilità di proporre i servizi extra (ristorante, spa, itinerari…), questo rientra nella natura del GeoPortal. Passare dalla proposizione alla vendita (inteso come transazione completata) però non è semplice. L’importante è riuscire ad interessare il Cliente e portarlo in reception con la domanda diretta.

  • Altre ragioni per cui un Albergatore dovrebbe utilizzare InWya?

Anche se il tuo Hotel dispone già una di rete WIFI distribuita su tutta la struttura, è sufficiente sostituire un solo router (l’hotspot principale) per avere il nostro servizio. I costi già sostenuti per la copertura WIFI li puoi continuare ad ammortizzare senza problemi. Inoltre funziona indipendentemente dal provider Internet che stai utilizzando.

  • Una Breve Case Study di successo?

Un albergo di una città del Nord Italia molto attivo in ambito Social Media ha in uso la piattaforma da 7-8 mesi oramai… è riuscito a collezionare un’anagrafica “sociale” con indirizzi e preferenze musicali (si, un piccolo extra-funzionale richiesto esplicitamente) di oltre 1100 clienti. Appena c’è un concerto in zona può fare una semplice ricerca sul sistema ed estrarre gli utenti potenzialmente interessati ad una offerta o promozione speciale per l’occasione.

  • Come sarà InWya, sia come soluzione tecnologica che come azienda, tra 5 anni?

5 anni è un periodo troppo lungo per essere immaginato, soprattutto lato tecnologico. Detto questo le evoluzioni ed i miglioramenti sono continui visti gli stimoli e le idee che ci arrivano giornalmente dai singoli albergatori.

Per quanto riguarda l’azienda, l’obiettivo è quello di crescere attraverso anche partnership ed accordi di distribuzione… e non solo sul mercato italiano.

  • Qualche link a GuestBooks online dei vostri clienti?

Sulla Home Page di InWYA c’è una selezione degli ultimi post più “carini” scritti dai turisti. Per vedere qualcosa in dettaglio consiglio il guestbook del Mulino di Firenze  oppure quello dell’Hotel Margherita in costa amalfitana , tra l’altro questo ultimo GeoPortal è “powered by foursquare”, particolarità che ci garantirebbe già da adesso di proporre la piattaforma a Buenos Aires come a Sidney o New York.

Ringraziamo ancora Gabriele Petroni per la sua disponibilità e facciamo a tutto lo staff di InWYA un in bocca al lupo, se hai delle domande scrivi pure un commento oppure contatta direttamente InWYA.

Puoi seguire InWYA su  Twitter e Facebook

Mentre Google, Yelp e Tripadvisor litigano, GuestComment rivoluziona il mondo delle recensioni alberghiere

Articolo di Andy Beal, CEO di Marketing Pilgrim & GuestComment 

Mentre Google, Yelp, e Tripadvisor si danno battaglia a vicenda per il titolo di “Re delle recensioni alberghiere”, io ho lavorato sul lancio si una startup che rivoluzionerà il panorama delle recensioni alberghiere.

Lo so, lo so, questa frase l’hai già sentita: “[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][nome della Startup] diventerà il prossimo leader del settore!”

Ma GuestComment è differente.

Oggi GuestComment lancia la prima piattaforma innovativa che permette agli ospiti di condividere commenti positivi, lamentele e lasciare il proprio feedback mentre si trovano ancora presso l’hotel. Utilizzando un sistema in attesa di brevetto, GuestComment raccoglie le recensioni dei clienti utilizzando dei chioschi interattivi posizionati all’interno degli hotels. Tutti i feedback vengono immediatamente indirizzati al management dell’hotel che può prendere nota dei commenti positivi o gestire le eventuali lamentele, prima che l’ospite lasci l’hotel. Posizionare i chioschi direttamente in hotel significa anche avere meno recensioni fraudolente, ospiti più soddisfatti, migliori recensioni online e anche più profitti per gli hotels!

GuestComment

E’ una situazione vincente per tutti!

GuestComment è veramente innovativo, perché viene fornito con il chiosco, il tablet, l’applicazione e il software per il management dell’hotel. Diversamente dai servizi di semplici recensioni, GuestComment fornisce l’hardware ed il software con un pacchetto chiavi in mano per il quale non avrai nemmeno necessità del supporto IT per l’installazione! GuestComment raccoglie le recensioni di veri ospiti, in tempo reale! Oltre a questo, GuestComment fornisce al management dell’hotel la pagina di recensione personale già ottimizzata per il SEO. In questo modo gli hotels possono gestire meglio la loro reputazione online aumentando le recensioni già pubblicate su Tripadvisor, etc.

GuestComment è già attivo, e immediatamente disponibile per più di 150.000 hotels in tutti gli Stati Uniti.

E, se ti piacciono le informazioni grafiche, ecco qui come funziona:

Infografica GuestComment

Fonte Articolo: Marketing Pilgrim[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Hotel Booking Engine: Come Scegliere un Motore di Prenotazione Alberghiero

Articolo by Martin Soler di WihpHotel, The All-Inclusive Hotel Marketing Agency

Ci sono due elementi chiave nei siti web degli alberghi , (1) che il sito web converta e (2) che il motore di prenotazione converta. Sicuramente dirai che sono cose ovvie e che quindi stai perdendo tempo a leggere questo articolo. Comunque, scegliere un motore di prenotazione non è così ovvio. In questo articolo cercherò di fornire alcune linee guida per effettuare questa scelta.

Book NowEsistono molti motori di prenotazione. Di alto, medio e basso livello, come per la maggior parte dei prodotti o cerchi l’alta qualità o un prezzo estremamente conveniente. Nessuno vuole acquistare un prodotto che non è né buono né conveniente.

Che elementi bisogna prendere in considerazione quando si sceglie un motore di prenotazione e quali sono le priorità? Abbiamo compilato una lista di domande che ti devi porre al momento della scelta del motore di prenotazione.

Prima di tutto devi capire le regole di base delle vendite. Quello che ogni venditore sa (ma non è detto che lo sappiano anche i web designers) è che il momento più difficile della vendita è la conclusione. Questo è il momento in cui devi convincere un cliente interessato al tuo prodotto, ad acquistarlo. Molti siti web fanno un ottimo lavoro nell’interessare i potenziali clienti, il compito di un motore di prenotazione è concludere la vendita. I dati mostrano che il 44% del tempo dedicato a prenotare un hotel avviene sul motore di prenotazione.

Quindi qualsiasi lentezza, confusione, poca chiarezza possono bloccare la vendita. Probabilmente stai pensando che hai già un motore di prenotazione che funziona  oppure che una persona che vuole prenotare sul tuo sito lo fa comunque, indipendentemente dal motore di ricerca. Fino ad un certo punto puoi anche avere ragione, ma considera che i tuoi diretti concorrenti non sono gli altri hotels, ma le piattaforme di distribuzione e ti posso garantire che il loro processo di prenotazione è studiato nei minimi dettagli.  I dati mostrano che un utente su un sito di un hotel visita in media 17,5 siti di viaggi prima di fare una prenotazione.

Se un utente vuole prenotare sul tuo sito, è molto probabile che abbia un’altra finestra aperta su un sito di distribuzione (OTA, ad esempio). Al primo problema, l’utente completerà la prenotazione sulla piattaforma di distribuzione. Ed il costo di questa prenotazione sale immediatamente da pochi dollari ad una tariffa del 20% come commissione di distribuzione.

Adesso possiamo concordare su due cose. 1. Non tutti i motori di prenotazione vanno bene e 2. Il prezzo non è tutto.

Con questo in mente, proviamo a scegliere il tuo motore di prenotazione. I punti seguenti sono quelli da prendere in considerazione, in ordine di importanza.

Navigazione: Riesci a trovare facilmente la camera da prenotare, la tariffa ed il pulsante per procedere?

Prova a chiederti se qualcuno che non ha mai prenotato una camera riesce a fare queste operazioni facilmente, senza perdersi.

Presentazione: Le foto e le tariffe sono chiare ed in bella vista.

E’ fondamentale che ci sia una ottima presentazione delle immagini e delle tariffe oltre a diverse immagini delle camere e senza dovere aprire una nuova finestra.  Lo spazio “vuoto” è sfruttato per dirigere l’attenzione dell’utente verso  i punti che aiutano la vendita oppure tutto lo schermo è indistintamente pieno di informazioni?

Contare i click: Quanti click sono necessari per arrivare alla fine della prenotazione?

Conta il numero delle pagine o delle schermate su cui l’utente deve passare prima di completare la prenotazione. Prova a fare una prenotazione e controllate quante volte dovi spostare le mani dalla tastiera per cliccare “prosegui” o per scorrere la pagina.

 Tariffe: le tariffe sono mostrate chiaramente, incluso eventuali offerte speciali ?

Riesci a vedere le offerte speciali sulle date selezionate? L’utente riesce a CAPIRE che ha fatto la scelta giusta e ha preso l’offerta migliore?

Personalizzabile: potete accedere alla funzione CSS e a tutte le altre funzioni di design del motore di prenotazione, per effettuare eventuali personalizzazioni?

Se non sei tu stesso un web designer, fai contattare il motore di prenotazione dai tuoi designers e fai chiedere quanto controllo hanno sugli elementi grafici, l’aspetto e il look generale del motore. Devi avere qualcosa che si integri bene con il tuo sito, gli utenti non devono restare disorientati  dalla differenza tra il tuo sito ed il motore di prenotazione.

Upsell: il tuo sito vi aiuta a vendere maggiori prodotti o servizi?

Gli eventuali extra sono messi in fondo ad una lista difficile da notare o compaiono al momento giusto della vendita, così da non distrarre ecessivamente l’utente durante il processo di acquisto?

Costo: a commissione o prezzo fisso?

Compara il prezzo con la tua  tariffa media giornaliera (ADR) e decidi. Questo è l’ultimo punto della lista, ed il meno importante. E’ come assumere un pessimo venditore perché vuoi risparmiare, non pensi che le tue vendite aumenteranno anche se investi in marketing.

Scegliere un buon motore di prenotazione non è qualcosa da fare alla leggera. Un hotel investe denaro per rinnovarsi e creare un bel sito web. Scegliere il motore di prenotazione giusto può fare la differenza tra un sito altamente efficiente ed un sito mediocre che ti darà poco ritorno sull’investimento.

Le informazioni raccolte in questo articolo sono basate su anni di prove e lavoro con molti diversi motori di prenotazione, tenendo traccia dei tassi di conversione e comparando i risultati. Studiamo e verifichiamo il canale di vendita prima di implementare qualsiasi motore di prenotazione sui nostri siti.

Immagine: Sabre Travel Network, GuestCentric

Santika Hotels & Resorts massimizza il billboard effect attraverso RateGain

Santika Indonesia Hotels & Resorts ha selezionato RateGain come partner tecnologico per snellire ancora di più la distribuzione online per le loro strutture alberghiere.

Santika Indonesia Hotels & Resorts, sotto l’amministrazione di PT Grahawita Santika, è specializzata in una serie di segmenti del settore, incluse le operazioni alberghiere della classe medio-alta e di lusso. La compagnia ha una storia di successo nella gestione di ville boutique di lusso, una nicchia di mercato molto selezionata dal 1981. I marchi Santika Indonesia Hotels & Resorts includono la Royal Collection (Kayana e Samaya), Hotel Santika Premiere, Santika Premiere Dyandra, Royal Ambarrukmo Yogyakarta, Hotel Santika & Amaris Hotel di Santika. Verso la fine del 2012, Santika Indonesia Hotels & Resorts amministrerà almeno 64 proprietà che equivale a oltre 7000 camere. La visione dell’azienda di essere la catena alberghiera più preferita e la più grande in Indonesia, ha permesso alla compagnia di muoversi progressivamente con i suoi valori “Casa Indonesiana” e il motto del servizio “Ospitalità proveniente dal Cuore”.

Santika Indonesia Hotels & Resorts ha selezionato RateGain come partner tecnologico per snellire ancora di più la distribuzione online delle sue strutture alberghiere. La catena utilizzerà il Channel Manager di RateGain e Rumbido, la sua soluzione per il “social media referral” al fine di aggangiare ulteriori canali di distribuzione, senza ulteriore sforzo di gestione, mantenendo la parity rate con i canali esistenti.

Il direttore aziendale di ecommerce di Santika Indonesia Hotels & Resorts, Andy Khen ha detto “RateGain ci ha fornito la piattaforma ideale per controllare i nostri affari e aumentare il numero di partner che inviano prenotazioni ai nostri alberghi. Sono molto bravi nel comprendere i cambiamenti costanti nel mercato e nella creazione di prodotti per il futuro.”

Mr. Khen ha aggiunto “ChannelGain di RateGain ci fornisce una visione interessante per continuare ad amministrare la nostra distribuzione sui canali e anche a onorare le nostre obbligazioni contrattuali con i nostri partner di distribuzione. Con l’aiuto della loro soluzione di affiliazione ‘Rumbido’, saremmo capaci a ridimensionare la nostra strategia nel settore social network.”

Vishal Jain, Chief Performance Office (CPO) presso RateGain ha riconosciuto “alla RateGain comprendiamo che i bisogni di distribuzione di ciascuno dei nostri clienti necessitano soluzioni specifiche e non è che una va bene per tutti. La nostra leadership nel management dei canali e la nostra volontà di personalizzare le soluzioni per soddisfare le crescenti esigenze di ciascuno dei nostri clienti continua ad aiutarli a far crescere ulteriormente il loro business.”

La partnership con RateGain aiuterà Santika Indonesia Hotels & Resorts a inseguire la visione di essere la catena alberghiera preferita in Indonesia con la spinta tecnologica per ottenere la loro crescita desiderata.

Fonte Articolo: HotelMarketing

Il Gestionale PMS Online InnRoad prova a sfondare grazie ad un investimento da $5,8

InnRoad, che offre un sistema webbased di gestione delle proprietà per gli hotel indipendenti ha raccolto 5,8 milioni di dollari da un gruppo di finanziatori di serie B (Series B financing round.)

Patrick Campbell del Blue Herron Capital e Matt Christensen di Rose Part Advisor entreranno a far parte del consiglio di amministrazione di InnRoad dato che le loro sono state le compagnie principali del finanziamento.

InnRoad ha dichiarato che userà questa iniezione di capitale “per finanziare i miglioramenti dello sviluppo dell’attuale piattaforma di InnRoad; inoltre investirà in nuove applicazioni e per aiutare le vendite, il maketing e per far fronte alle esigenze di capitale strategico necessario (working capital needs) sia negli USA che nel resto del mondo.”

Con la sede centrale a Southampton, New York,  InnRoad offre un sistema di prenotazione PMS (Property Management System) e CRS (Central Reservation System), un motore di prenotazione online, e servizi di marketing per hotel indipendenti.

Fondata nel 2008, la compagnia afferma che i suoi prodotti sono stati usati da 350 hotel indipendenti di diverse dimensioni in più di 10 stati tra America e Europa.

Tra i clienti americani di InnRoad troviamo il Kirkley Hotel a Lynchburg, Virginia, il Flatiron Hotel a Manhattan e l’Hotel Morgantown a Morgantown, West Virginia.

In Turchia troviamo l’Hotel Kumru, così come il Park House Hotel in Inghilterra.

Il precedente finanziamento per lo sviluppo di InnRoad era stato fatto dai fondatori e da alcuni investitori informali; fino a oggi InnRoad ha raccolto 7,7 milioni di dollari totali di finanziamento.

FONTE: Tnooz

http://www.kirkleyhotel.com/

SiteMinder pianifica l’espansione dopo un iniezione di capitale da 5 milioni di dollari

La società Australianta di distribuzione Hotel Online, SiteMinder, sta accelerando la sua espansione a seguito di un iniezione di capitale di 5 milioni di dollari.

L’investimento è stato fatto dal gruppo Bailador Investment Management, specializzato nella fornitura di capitale di espansione alle aziende del settore informatico.

Il finanziamento aiuterà SiteMinder in un ulteriore accelerazione della crescita in Europa, Asia e nelle Americhe, con nuovi prodotti e programmi di marketing. A sua volta questi investimenti interni, saranno finalizzati alla costruzione di una base di clienti da parte di SiteMinder ed ad aiutare ulteriormente le strutture ricettive a estendere la loro portata sul web.

L’iniezione di capitali è stata organizzata dalla  società di consulenza aziendale con base a Sydney, Growth Equity Partners.

SiteMinder, fondata nel2006, lavora con più di 6000 hotel in 90 paesi che utilizzano la sua piattaforma di distribuzione online e il motore  di prenotazione senza costi fissi che genera più di $ 2 miliardi di prenotazioni all’anno.

 

L‘amministratore delegato Mike Ford ha dichiarato: “Negli ultimi sei anni SiteMinder ha investito molto per sviluppare una delle più complete e popolari piattaforme mondiali di distribuzione di disponibilità di camere alberghiere”.

“Stiamo ora godendo di una quota leader di mercato nella regione Asia-Pacifico ed una crescita significativa in mercati internazionali chiave.”

“Il capitale aggiuntivo ci permetterà di aumentare rapidamente una presenza europea già forte, sostenuta dal successo della nostra sede di Londra, che abbiamo aperto nel 2010.

“Vogliamo accelerare lo sviluppo di caratteristiche innovative del prodotto, espandere le nostre vendite e le capacità di dare supporto in mercati nuovi ed esistenti, nonché convincere ulteriormente riguardo alll’adozione della nostra piattaforma a livello internazionale.”

Ford ha aggiunto: “Gli albergatori oggi vogliono strumenti più intelligenti, più veloci e più affidabili di distribuzione, capaci di collegare facilmente il proprio inventario ai canali online e di automatizzare le prenotazioni on-line direttamente nei loro sistemi di bookings. SiteMinder è all’avanguardia nello sviluppo cloud-based, zero-transaction-fee, una tecnologia che aiuta gli alberghi ad aumentare gli introiti e l’efficienza. ”

Il direttore di Bailador, David Kirk e Paul Wilson, che entrerà a far parte del consiglio SiteMinder, ha detto: “Bailador mira a sostenere queste compagnie di successo, altamente motivate e con una propensione all’innovazione online, con prospettive di crescita eccellenti. SiteMinder ha sviluppato una soluzione tecnologia leader nel mercato, come dimostra la crescita eccezionale nella loro base clienti e l’impressionante record di fidelizzazione della clientela.

“Siamo fiduciosi che il capitale investito su SiteMinder aiuterà a stabilire una posizione dominante in questo mercato in continua evoluzione e non vediamo l’ora di collaborare con loro in questo cammino entusiasmante”.

Fonte dell’articolo: Travolution

RateTiger aggiunge funzionalità di Intelligence Reporting avanzate

La combinazione di Reservation Reporting, Engine Strategy, Channel Management and Shopping, renderà RTSuite un Management System completo per gli alberghi, al fine da avere la  massima visibilità e massime performance da ogni canale di vendita.

Con la veloce crescita delle prenotazioni online, gli albergatori hanno bisogno di avere accesso diretto ai dati avanzati delle prenotazioni , nel momento stesso in cui le prenotazioni vengono fatte dagli ospiti. Ciò consentirà l’ottimizzazione della distribuzione dell’inventario online. L’ascesa dei social network, della tecnologia mobile, delle vendite flash sui siti internet e l’abbreviazione della finestra di prenotazione, ha reso necessario il fatto che gli albergatori siano a conoscenza delle prenotazioni quando si verificano su ogni canale collegato al fine di reagire con un prezzo immediato o le rettifiche di disponibilità.

Reservation Report fornisce una moltitudine di grafici e dati sulle prenotazioni per assicurare che l’analisi delle tendenze diventi semplice. Con interfacce ai vari moduli RateTiger così come i sistemi esterni, come PMS o CRS, il processo di aggiornamento della disponibilità, la composizione delle prenotazioni e la frequenza di aggiornamento, possono essere completamente automatizzati eliminando l’errore umano e la perdita di tempo.
Ulteriormente l’integrazione di StrategyEngine in RTSuite mira ad aiutare gli albergatori, ottimizzando le tariffe delle camere, con calcolo della percentuale completamente automatizzata in base alla scelta del prezzo o alle strategie di posizionamento e le tariffe della concorrenza.

“Oggi che la concorrenza è spietata, è essenziale che gli albergatori abbiano a disposizione tutti i mezzi possibili per prendere decisioni immediate e rispondere alle esigenze del mercato. Reservation Report Segnala assiste gli albergatori per agire rapidamente, mentre i dati possono essere utilizzati anche per analisi statistiche per la pianificazione delle strategie future, per migliorare ulteriormente occupazione e ricavi “, ha detto Keith Povah, Presidente della Divisione – RTSuite, RateTiger.

Queste nuove caratteristiche mirano ad aiutare gli albergatori nella gestione dell’inventario e la strategia, attraverso una piattaforma sincronizzata, risparmiando così tempo e fatica.

Per i clienti di RateTiger esistenti che hanno sottoscritto Extranet Report, Reservation Report sarà un aggiornamento gratuito di addebito automatico.

Sorgente Articolo: Ratetiger