A chi importa di Klout?

Verità e finzione:

Verità: Tutti hanno la capacità di influenzare il proprio network

L’industria turistica e alberghiera vanta un seguito sociale eclettico, conservatore, allegro, introverso, di buon senso, dedito alla famiglia, sexy e single, altamente influente. Brulicante di nuovi visitatori, viaggiatori frequenti, locali, sposi, professionisti e pensionati. Le nostre reti sociali collettive sono sufficientemente diversificate per collegarci con potenziali e credibili ambasciatori del nostro marchio da qualsiasi segmento di mercato che si possa immaginare. Giusto?

Quindi perché tutto questo clamore per Klout?

Finzione: Tutte le persone influenti sono state create uguali

Ed è qui che entra in azione il genio di Klout.com

I Klout Scores  sono uno strumento di misurazione che permette di capire l’influenza online di una persona basandosi sulla abilità di guidare l’azione nei networks sociali. Il sistema raccoglie dati basandosi sul tuo impatto sui social networks, fornendo un punteggio giornaliero su una scala da 1 a 100. Il punteggi si basa su 3 concetti principali: il numero di persone che influenzi (quanti followers o amici hai), quanta influenza hai su di loro (cliccano sui tuoi links? Commentano o linkano i tuoi post?), e quanto sono influenti le persone nel tuo network. “La nostra abilità ed il nostro desiderio di capire [fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][il nostro impatto sul network], e la necessità ed il mercato per tutto ciò, sono i motivi dell’esistenza di Klout,” spiega Joe Fernandez, Fondatore e CEO di Klout.

Klout.com fornisce anche rapporti che comparano i Klout Scores peer-to-peer, influente–a-influente, business-to-business. Di conseguenza, è possibile avere accesso a dati importanti relativamente alla competizione, a chi sono le persone più influenti online, e conoscere i contenuti più cliccati. I viaggiatori possono anche cercare le persone più influenti o gli argomenti più popolari, compresi gli hotels: http://klout.com/topic/hotels

Il redattore di Wired, Seth Stevenson, ha di recente chiesto al product director di Klout, Chris Makarsky, come fare a migliorare il proprio punteggio su Klout. Gli è stato detto di pubblicare tweets più spesso, di concentrarsi su un argomento e di mantenerlo vivo, e di sviluppare un rapporto online con membri influenti di Klout che potrebbero aiutarlo ad ampliare anche la sua influenza.

Sicuramente ci vuole costanza e impegno. Fortunatamente, i business ed i consumatori che investono queste risorse nel social media management stanno avendo un ROI – ritorno sull’influenza – considerevole.

Tenere sotto controllo e migliorare il punteggio Klout del tuo brand è una ottima tattica per alimentare il successo marketing sui social media.

Verità:  Klout si è evoluto in uno strumento di social media marketing con vantaggiose implicazioni sia per gli hotels che per i consumatori.

Klout ti può fornire un nuovo ponte per entrare in contatto con i tuoi clienti. E’ anche utile nel rivelare il potenziale del cliente come network di trasmissione. Ti ricordi quando i cittadini giornalisti sono diventanti un fenomeno grazie ai telefonini con fotocamera e alle piattaforme open source per blog? Bene, oggi abbiamo cittadini che agiscono come network di trasmissione – ambasciatori latenti che possono raggiungere una audience misurabile, sono semplicemente in attesa di buoni motivi per aumentare l’influenza e la reputazione del tuo brand.

Dal punto di vista di un viaggiatore, Klout oggi ospita albergatori, brand dell’ospitalità e linee aeree. I brand più intelligenti offrono upgrade gratuiti agli utenti Klout i cui punteggi dimostrano la capacità di creare conversazioni influenti sui viaggi. I franchise possono usare Klout per monitorare le conversazioni, e realizzare promozioni su misura per specifiche proprietà in specifiche aree.

Finzione: I programmi fedeltà che non riescono a tenere il passo con l’influenza dei social network e le tecnologie correlate, continueranno ad avere importanza per i viaggiatori

Questi programmi ormai datati perdono terreno con ogni nuovo avanzamento degli algoritmi sociali. Ma stare in sintonia con le nuove tendenze social media come Klout e applicarle con profitto alla strategia di business di un hotel richiede un notevole investimento di tempo, relazioni e risorse. Puoi prendere in considerazione una partnership con una società di marketing in grado di colmare il divario tra i social media e l’ospitalità. Espandi i tuoi programmi di fidelizzazione con strategie di e-marketing integrate che includono applicazioni per prenotazione sociali, applicazioni web e mobili, promozioni di vendita flash, distribuzione di contenuti foto, e servizio clienti online a 5 stelle.

Con le prenotazioni di viaggi on-line destinate a crescere due volte più velocemente del mercato totale, superando 313 milioni dollari entro il 2012, Klout può svolgere un ruolo chiave nella navigazione del processo decisionale per la prenotazione di un hotel, secondo il paradigma prezzo, qualità e posizione. Gli scambi sui social media forniscono un punteggio di soddisfazione, una validazione e ora anche un riferimento personale contro il rating di qualità.

Verità: Gli hotels che per primi hanno incorporato Klout all’interno delle loro strategie di marketing hanno ottenuto risultati interessanti

Palms Las Vegas Klout

Nel 2010, il Palms Casino Resort di Las Vegas ha esaminato i punteggi degli ospiti che effettuavano il check in ed ha automaticamente dato un upgrade a quelli che risultavano più influenti – molti ospiti non avevano idea delle motivazioni dell’upgrade. Tra i casino hotel di Las Vegas, il Palms è passato dal 17 posto al 3 posto per numero di followers su Facebook. Il Palms ha uno dei migliori punteggi su Klout tra hotels con le stesse caratteristiche. Oggi, continua la partnership con Klout, offrendo servizi esclusivi per i membri del “Klout Klub”, e quest’anno ha anche organizzato un evento speciale al CES,  in collaborazione con il sito social media.

All’aeroporto di San Francisco la Cathay Pacific ha aperto le lounge First e Business agli utenti Klout con punteggi superiori a 40. Virigin America ha offerto voli gratuiti agli utenti Klout con i punteggi più alti.  Il Trivandrum Hotel ha aggiunto dei Klout Coupons alla propria pagina Facebook.

In Febbraio, il gigante Salesforce.com ha introdotto un servizio che permette alle aziende di monitorare il punteggio Klout dei clienti che inviano tweets di complimenti o lamentele; scommettiamo che quelli con i punteggi più alti godono di speciali attenzioni da parte del servizio clienti?

Il futuro di Klout è nelle mani dei consumatori e nella capacità del marketing dei brand di essere sempre più creativo. Dando ai consumatori il ruolo di diffusori e trasmettitori, Klout è in lizza con concorrenti come Kred e PeerIndex per creare qualcosa di simile ai rating di Nielsen per le interazioni sociali online. Se gli hotels si rivolgono alla propria audience offrendo contenuti di un certo livello, entrambi ne potranno trarre beneficio. Gli esperti di marketing alberghiero più innovativi possono stare un passo avanti a tutti basandosi su quanto riescono ad ispirare e premiare i consumatori per il loro impegno, la loro azione e la loro influenza. Il punteggio per l’influenza fornisce agli albergatori un punto in più per prendere decisioni migliori.[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Una risposta a “A chi importa di Klout?”

  1. Sicuramente identificare e incentivare in modo adeguato gli influencers puó portare importanti vantaggi, tuttavia è altrettanto importante differenziare gli influencers dagli advocates, ovvero quei clienti appassionati disponibili ad essere promotori della marca e del prodotto. È fondamentale adottare una strategia differenziata per questi due gruppi… questa infografica spiega le differenze tra influencers e advocates:
    http://strategiaturismo.com/2012/08/13/influencer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *