Per chi non lo sapesse ancora.. I social media generano prenotazioni e ROI !

Social Media ROI

Tutti concordano sull’importanza dei social media e sulla loro continua crescita. Ma si incontrano ancora molti scettici che dubitano dell’effettivo ritorno d’investimento dei social media. Forse alcune di queste statistiche convinceranno anche i più dubbiosi.

  1.  AirAsia ha usato i social media per vendere più di 800.000 biglietti in 48 ore.
  2.  In 60 giorni Expedia ha avuto un incremento di 70.000 prenotazioni sul suo sito grazie alle promozioni sulla sua pagina Facebook.  Secondo i dati forniti da Compete, il tempo medio passato da un utente sul sito di Expedia è aumentato del 156%.
  3. Sempre nello stesso studio, si segnala che il 75% degli utenti hanno affermato che la pagina Facebook di un brand ha influenzato una loro decisione di acquisto.
  4. Mary Kay e  BlogHer hanno avuto un aumento del 260% nelle decisioni di acquisto grazie ai social media.
  5. Secondo Lab42, più della metà dei viaggiatori che usano i social media per programmare i propri viaggi finiscono per cambiare i loro piani sulla base delle informazioni trovate sui social media. Delle persone che cambiano i propri piani, circa il 43% cambiano proprio hotel o resort.

Quando si tratta di social media, esistono molti modi per tracciare il ROI. Potete facilmente creare un codice promozionale o una tariffa speciale per Twitter o Facebook. E’ un modo molto basico per tenere traccia delle prenotazioni dirette. Molti team social media hanno anche avuto successo utilizzando la funzione RSVP di Facebook, che permette di invitare i fans della propria pagina ad un evento in un hotel chiedendo loro di confermare la propria presenza. Inoltre si possono pubblicare dei tweets per offrire ai partecipanti all’evento uno sconto sulle bevande o su alcune pietanze, per massimizzare le entrate. Anche questo metodo è molto facile da tracciare.

Il mondo dei social media può anche imparare qualcosa dalla pubblicità, quando si parla di tracciare le conversioni view through. Anche se non si possono attribuire il 100% delle prenotazioni alle conversioni view through, queste fanno comunque aumentare le vendite influenzate dalla visione degli annunci. Potete anche trovare più dettagli su questo articolo su Tnooz.

Le ricerche di Clickz confermano questa idea: il 99% delle vendite generate dagli annunci su Facebook arrivano da utenti che hanno visto, ma non cliccato l’annuncio.

Sicuramente ci sono anche attività più difficili da tracciare. Circa il 70% dei viaggiatori postano contenuti sulla loro vacanza proprio mentre si trovano in vacanza. Quindi tutti i loro amici o parenti vengono informati circa la destinazione o il prodotto scelto. E’ difficile tracciare questo tipo di esposizione perché non è un retweet o un commento sulla tua pagina Facebook. In alcuni casi i viaggiatori segnalano la loro presenza in un posto tramite la funzione check-in di Facebook, ma più spesso postano fotografie o commenti sulle loro pagine personali.

Non serve tenere traccia delle prenotazioni aggiungendo un booking engine widget alla tua pagina Facebook. Questo approccio permetterebbe di captare solo una piccola parte di tutto il quadro, perché i social media sono onnipresenti e fanno parte del ciclo di vita del consumatore. Il blogger Harvey Chipkin ha scritto recentemente un bel pezzo sulle storie di successo relative ai social media media, il filo conduttore era che Amtrak, VisitBritain e Royal Caribbean usavano i social media come parte di programma più grande che comprendeva anche pubbliche relazioni elettroniche, marketing di eventi, produzioni video e pubblicità televisive. Sarebbe interessante se in futuro le ricerche potessero tenere traccia delle conversioni su diverse piattaforme, a seconda che si utilizzino smartphone, laptop, iPad o schermi TV.

I social media offrono anche tante altre opportunità per un buon ritorno di investimento. Molte aziende li utilizzano per ricerche di mercato e per raccogliere i feedback dai clienti, per offrire assistenza e per il servizio clienti. Alcune linee aeree hanno anche 10 persone dedicate alla pagina Twitter dell’assistenza clienti, per cercare di snellire la quantità di chiamate in attesa al call center. Quindi, puoi investire con sicurezza sul tuo futuro nei social media, sapendo che sicuramente ti faranno avere più prenotazioni e miglioreranno il rapporto con i clienti.

Fonte Articolo: MediaPost, Immagini: NinjaMarketing, DigitalBuzzBlog

email
Author Image

About Johann Depietri

Johann Depietri ha un'esperienza decennale nel Web Marketing Alberghiero.

Articoli Correlati:

Tingo di TripAdvisor afferma che I turisti pagano troppo per gli alberghi
I servizi più incredibili offerti dagli hotels
Direct Booking di Trivago: Pubblicità mirata, vendita diretta e visibilità online: il sito ufficiale...
2 anni ago by in Hotel Marketing , Marketing Online , Revenue Management | You can follow any responses to this entry through the RSS feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave A Response

* Required