Google Hotel Finder diventa globale e viene integrato nei risultati di ricerca di Google

Google ha finalmente attivato il suo prodotto Hotel Finder su scala globale, compreso il supporto per le valute locali. Inoltre, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, l’India e la Nuova Zelanda saranno i primi paesi a ricevere la completa integrazione di Hotel Finder all’interno delle pagine dei risultati di Google – una mossa attesa da molti esperti di marketing alberghiero.

Google Hotel Finder

L’azienda ha ora reso disponibile il suo Google Hotel Finder su tutti i domini globali di Google attraverso l’URL ‘/hotels.’ Inoltre, molte versioni locali (non ancora tutte) mostrano le informazioni sulle tariffe in valuta locale.

Inoltre, in USA, Regno Unito, India e Nuova Zelanda viene visualizzato un box Google Hotel Finder su tutte le pagine dei risultati relativi a destinazioni alberghiere.

Il fatto che Google Nuova Zelanda abbia già integrato Hotel Finder all’interno dei risultati del motore di ricerca – mentre in Australia non è ancora stato fatto- potrebbe essere una indicazione che Google ha intenzione di integrare Hotel Finder in tutti i suoi domini locali.

Gli esperti di marketing alberghiero si aspettavano l’integrazione di Google Hotel Finder nelle pagine dei risultati di ricerca, una mossa per aumentare la base degli utenti ed avere uno strumento per generare prenotazioni alberghiere.

Google Hotel Finder ha anche introdotto alcune nuove caratteristiche come il tasto “Rooms” che permette al consumatore di accedere a tutte le informazioni circa le tipologie di camere di un hotel, comprese le tariffe (in origine, questa informazione si basava solo sulla camera doppia più economica al momento disponibile).

Per quanto riguarda gli Hotel Price Ads  e i Promoted Hotel Ads, Google non ha cambiato nulla, dall’ultima volta che abbiamo parlato dell’argomento. Google Hotel Finder mostra ancora 4 Hotel Price Ads per ogni hotel – compreso uno più evidente che è il Promoted Hotel Ad – oltre al link ufficiale al sito dell’hotel.

Tuttavia, come gli hotels potranno beneficiare di Google Hotel Finder non è ancora del tutto chiaro – specialmente quando vedi i quattro Hotel Price Ads occupati dalle OTA principali e sai per certo che il tuo provider CRS fornisce a Google direttamente i tuoi Hotel Price Ads.

Ma ora che Google Hotel Finder è un prodotto ufficiale, non ci vorrà molto prima di ricevere da Google alcuni segnali ufficiali come “ Google Hotel Price Ads: la guida ufficiale per gli esperti di marketing alberghiero.”

Solo allora, sapremo per certo se Google Hotel Finder confermerà le aspettative e diventerà terreno di gioco per gli hotels indipendenti, le catene e gli aggregatori di hotels, per raccogliere le prenotazioni.

Fonte Articolo: HotelMarketing

email
Author Image

About Johann Depietri

Johann Depietri ha un'esperienza decennale nel Web Marketing Alberghiero.

Articoli Correlati:

Laterooms.com personalizza il proprio marchio attraverso Google+
Social Reporting: Come impiegare il nuovo strumento di Google Analytics
Le stanze d'albergo meno accoglienti sono riservate alle OTA?
2 anni ago by in Marketing Online | You can follow any responses to this entry through the RSS feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave A Response

* Required